AmbienteBlogDal mondoInquinamento

Legge spagnola sul cambiamento climatico: cosa è stato fatto?

Dallo scorso maggio, la Spagna ha una Legge sui cambiamenti climatici e sulla transizione energetica che mira ad aiutare il Paese a raggiungere la neutralità climatica prima del 2050. La normativa ha spinto l’esecutivo ad attuare alcune riforme ma altre sono ancora in corso.

Riforme già approvate:

  • La legge sul clima ha impegnato il Governo a modificare la norma che regola gli edifici residenziali per favorire gli impianti fotovoltaici per l’autoconsumo nelle comunità dei proprietari. La riforma è stata approvata il 5 ottobre scorso e semplifica le procedure per le opere che contribuiscono al miglioramento dell’efficienza energetica dell’edificio o l’implementazione di fonti energetiche rinnovabili di uso comune, come i pannelli solari.
  • Il Ministero della Transizione Ecologica ha già approvato un decreto per concedere fino a 1.320 milioni di aiuti – dal Piano di Risanamento – per gli impianti di autoconsumo (fino a 900 milioni), lo stoccaggio (fino a 220 milioni) e il condizionamento con energie rinnovabili (fino a 200 milioni). Le azioni sono rivolte sia alle abitazioni nuove che a quelle ristrutturate e consentiranno la creazione di 1.850 megawatt di generazione rinnovabile, che ridurranno le emissioni di CO₂ di oltre un milione di tonnellate all’anno.
  • A luglio il ministero ha lanciato un’altra linea di aiuti che comprende 200 milioni per le rinnovabili termiche nei settori economici, 100 milioni per la promozione del biogas e 350 per le rinnovabili innovative, nonché la promozione delle comunità energetiche.
  • Piano nazionale per l’adattamento ai cambiamenti climatici. Il documento propone azioni per il prossimo decennio in campi come la salute, le coste, la gestione delle acque, l’agricoltura, la biodiversità o la lotta alla desertificazione.

Riforme in corso

  • Spinta ai punti di ricarica per auto elettriche.
  • Legge sulla mobilità sostenibile.
  • Istituzione di Aree a bassa emissione (con stanziamento in due anni di 1.500 milioni di euro del Piano di Rilancio Europeo per sovvenzionare i Comuni che attuano questa misura).
  • Riforma del settore elettrico.

FONTE: EL PAÍS

Immagine di copertina: Sfondo foto creata da natanaelginting – it.freepik.com

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button