Energie RinnovabiliTechTecnologia

Produrre idrogeno dall’umido urbano: la ricerca di ENEA

L’ENEA ha sviluppato e brevettato un nuovo processo che permette di produrre combustibili gassosi come idrogeno e metano da rifiuti solidi urbani, plastiche non riciclabili e biomasse, senza emissioni inquinanti e con l’utilizzo di energia rinnovabile. I ricercatori dei Dipartimenti Tecnologie Energetiche e Fonti Rinnovabili e Fusione e Tecnologie per la Sicurezza Nucleare sono quindi riusciti a valorizzare procedimenti termochimici che utilizzano energia rinnovabile per la valorizzazione energetica dei rifiuti.

Tale trattamento innovativo si basa su un’operazione di “idrogassificazione” che consiste nel trattare il rifiuto grezzo, anche umido, con idrogeno. Questo permette di convertire il rifiuto in metano utilizzando idrogeno. Il metano viene poi trattato in un processo sostenuto con calore proveniente da fonti rinnovabili.

I prodotti ottenuti sono la CO2 in forma concentrata che, a differenza di quella ottenuta dai normali processi combustione, è facilmente separabile per essere trasportata e riutilizzata, e l’idrogeno, parte del quale andrà ad alimentare (come reagente) il processo di idrogassificazione. Lo rivelano gli stessi ricercatori di ENEA.

L’innovazione. La parte eccedente di idrogeno prodotta rappresenterà il combustibile “pulito” generato dal processo, che potrà così essere immesso nel mercato, come ad esempio nella mobilità sostenibile e dell’industria.

Immagine di copertina: Tecnologia foto creata da rawpixel.com – it.freepik.com

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button