AmbienteBlogTech

Efficienza energetica da raddoppiare per raggiungere il net zero al 2050

Si prevede che nel 2021 l’intensità energetica globale dovrebbe migliorare dell’1,9% dopo lo 0,5% registrato nel 2020. Negli ultimi cinque anni, è migliorata in media dell’1,3% all’anno, in calo dal 2,3% tra il 2011 e il 2016, e ben al di sotto del 4% descritto nello scenario delle emissioni nette zero al 2050. Sono questi i dati contenuti nell’aggiornamento annuale dell’Agenzia Internazionale dell’Energia sugli sviluppi globali in materia di efficienza energetica. L’edizione di quest’anno esplora le tendenze recenti nei mercati a livello economico e settoriale, compresi gli sviluppi nelle politiche e negli investimenti.

Il rapporto si concentra anche sul ruolo dell’efficienza energetica nel raggiungimento dello zero emissioni nette del settore energetico entro il 2050, compreso un esame del ruolo cruciale di apparecchiature, nonché di tutti i principali interventi di efficienza energetica negli edifici, nei trasporti e industria.

La domanda globale di energia dovrebbe aumentare di circa il 4% nel 2021, tornando ai livelli pre-pandemia con la ripresa dell’attività economica. L’anno precedente è stato uno dei peggiori in assoluto per quanto riguarda il miglioramento dell’efficienza, poiché la domanda e i prezzi dell’energia sono diminuiti, i miglioramenti dell’efficienza tecnica sono rallentati e l’equilibrio dell’attività economica si è spostato lontano dai servizi a minore intensità energetica, come l’ospitalità e il turismo.

Con le interruzioni dovute all’emergenza sanitaria, non è ancora chiaro se la maggiore intensità energetica di quest’anno segnerà l’inizio di una ripresa sostenuta. Tuttavia, l’aumento delle tendenze degli investimenti, della spesa pubblica per l’efficienza – in gran parte legato ai piani di ripresa attuati in risposta alla crisi da Covid-19 – nonché i nuovi annunci di maggiori ambizioni climatiche offrono alcuni segnali incoraggianti.

Le politiche governative dovrebbero aiutare gli investimenti per l’efficienza energetica a crescere del 10% nel 2021 con circa 300 miliardi di dollari. Tuttavia, per essere coerenti con i livelli previsti nello scenario al 2050, gli investimenti annuali complessivi dovrebbero triplicare entro il 2030. La recente crescita degli investimenti si è concentrata in gran parte in Europa, il che suggerisce che sono necessarie politiche in altre regioni per raggiungere gli obiettivi climatici globali. Ad esempio, il mercato dei servizi energetici in Cina ha aumentato la diffusione delle tecnologie digitali e si è ampliato del 12% nel 2020, assistito da incentivi fiscali.

Nello scenario Net Zero Emissions by 2050 dell’AIE, un primo focus politico sull’efficienza energetica triplicherebbe il numero di posti di lavoro creati entro il 2030 attraverso un aumento della spesa per ristrutturazioni edilizie, elettrodomestici più efficienti e altre misure. Ciò include molti lavori nell’edilizia, nonché l’installazione di sistemi di riscaldamento, raffreddamento e acqua calda. Sebbene molti di questi interventi corrispondano a competenze già esistenti, i governi possono svolgere un ruolo importante sponsorizzando programmi di formazione per contribuire a fornire un più ampio accesso alle opportunità ed evitare carenze di competenze.

Circa l’80% dei guadagni aggiuntivi di efficienza energetica – nello scenario nel prossimo decennio – si tradurrà in risparmi netti complessivi per i consumatori, dopo aver tenuto conto sia del costo iniziale delle misure sia dei minori costi operativi. Ciò aiuterà, secondo l’AIE, a ridurre le bollette energetiche e ad attenuare gli effetti della volatilità dei prezzi. 

Immagine di copertina: Persone foto creata da rawpixel.com – it.freepik.com

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button