BlogDal mondo

5 miliardi di dollari in cinque anni per la rete di ricarica elettrica negli Usa

I dipartimenti dei Trasporti e dell’Energia (DOE) degli Stati Uniti hanno recentemente annunciato che circa 5 miliardi di dollari saranno messi a disposizione nell’ambito del nuovo programma National Electric Vehicle Infrastructure (NEVI) Formula istituito dalla legge sulle infrastrutture del presidente Biden, per costruire una rete nazionale di ricarica per veicoli elettrici, salutata come “un passo importante per rendere la ricarica dei veicoli elettrici (EV) accessibile a tutti gli americani”.

Il programma di cinque anni aiuterà gli Stati a creare una rete di stazioni di ricarica per veicoli elettrici lungo i corridoi per combustibili alternativi, in particolare lungo il sistema autostradale interstatale. L’importo totale disponibile per gli Stati nell’anno fiscale 2022 è di 615 milioni di dollari. Gli Stati devono presentare un piano di distribuzione delle infrastrutture di veicoli elettrici prima di poter accedere a questi fondi. Un secondo programma di sovvenzioni competitivo, progettato per aumentare ulteriormente l’accesso alla ricarica dei veicoli elettrici nelle località di tutto il paese, comprese le comunità rurali e svantaggiate, sarà annunciato entro la fine dell’anno.

Intanto, il Dipartimento dell’Energia (DOE) ha pubblicato il primo piano completo per garantire la sicurezza e aumentare l’indipendenza energetica degli Stati Uniti. L’ampio rapporto “La strategia americana per proteggere la catena di approvvigionamento per una robusta transizione verso l’energia pulita” pone una base industriale del settore energetico nazionale sicura, resiliente e diversificata che “stabilirà il ruolo dell’America come leader globale nella produzione e innovazione di energia pulita”: “Oltre a stimolare la creazione di posti di lavoro e la crescita economica, queste strategie per investire e rafforzare le catene di approvvigionamento aiuteranno a combattere l’inflazione e a ridurre i costi per le famiglie e le imprese americane proteggendo dalle interruzioni della catena di approvvigionamento globale”, si legge nella nota stampa del DOE.

Il rapporto è stato prodotto in risposta all’ordine esecutivo 14017 del presidente Biden, America’s Supply Chains, ed è supportato da 13 valutazioni approfondite della catena di approvvigionamento in tutto il settore energetico, dall’energia solare ai semiconduttori alla sicurezza informatica. In concomitanza con la legge sulle infrastrutture, il rapporto del DOE riassume come gli Stati Uniti possono cogliere l’opportunità economica inerente alla transizione del settore energetico e costruire una base di produzione energetica e forza lavoro nazionale di livello mondiale.

Il rapporto include anche più di 20 raccomandazioni per l’azione del Congresso relative alla catena di approvvigionamento energetico, come ad esempio: 

  • Promulgare una legislazione per fornire incentivi fiscali e sostenere produzione e distribuzione di energia pulita domestica, compresi gli incentivi per la costruzione di nuove strutture e per il funzionamento in corso di tali strutture.
  • Fondi adeguati per stabilire partenariati settoriali a livello regionale e statale e apprendistati registrati per reclutare, formare e inserire i lavoratori nelle carriere necessarie per le catene di approvvigionamento nazionali.

Immagine di copertina: Città foto creata da vwalakte – it.freepik.com

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button